martedì 4 dicembre 2007

Il museo del metaverso ringrazia

Ieri sera, in Second Life, il Museo del Metaverso e il suo progetto sono stati presentati ai numerosi residenti che hanno avuto la gentilezza e l’interesse di venirci a trovare.
In verità, non ci aspettavamo tale attenta partecipazione per un incontro di matrice culturale, in considerazione del fatto che la cultura, nella fattispecie l’arte, è difficile da veicolare anche in rl ed in genere attira l’attenzione di un pubblico selezionato e di nicchia.
Tante persone invece sono arrivate e, inaspettatamente, si sono trattenute fino a tardi a discutere con noi e con gli artisti, sull’arte, sulle differenze tra arte virtuale e reale, sulle tecniche usate, sulle differenti esperienze degli autori presentati.
L’incontro è durato a lungo, anche dopo l’intervista rilasciata a Sluub TV , molti continuavano a guardare le opere esposte e a discutere fra loro.
Questo comportamento sembra contraddire quanto riportato nell’ultimo post di Mario Gerosa, “Guida all’evento perfetto in Second Life”, dove il redattore capo di AD (Architectural Digest Italy) dichiara che in SL si sta affermando un nuovo format, chiamato “5 minutes party”, una formula per creare un evento di richiamo in Second Life, basata su alcune semplici regole e soprattutto sulle diffrenze tra sl e rl.
L’incontro di ieri sera, tuttavia, pur non avendo osservato le regole indicate da Gerosa nel post, senza però avere lasciato molto spazio a comportamenti derivati dalla rl, quali il brindisi o il lunch con tartine virtuali, è stato lungo e partecipato, con interventi puntuali e un dibattito spontaneo molto interessante.
Tutto questo ha fatto della serata un happening particolare e insolito in Second Life, dove si toccava con mano il piacere di confrontarsi su temi difficili e affascinanti come l’arte e le sue nuove frontiere.
Un ringraziamento sincero a tutti coloro che ci hanno sotenuto con i loro apprezzamenti e disponibilità , mi rifersco a Junikiro Jun owner di unAcademy, che per primo ha creduto in noi, a Primo Sands che ci ha onorato della sua presenza, a Frank Koolhaas per l’attenzione che ci riserva, a Redmond Lytton per le competenze messe a nostra disposizione.
Ringraziamo tutti gli amici che ci sono stati vicini, anche con la loro gradita presenza.
Un ringraziamento particolare va agli artisti che molto si sono spesi per la riuscita della serata, concedendosi con grande disponibilità al dibattito e alle domande dei partecipanti.
Ringraziamo di cuore, per l’interesse e il tempo che ci hanno dedicato: asya Masala di 2L Italia World e Papper Papp e Slow Messmer di Sluub TV

2 commenti:

J29A ha detto...

Sarebbe bello se allegaste una note contenente l'intera conversazione sviluppatasi durante l'inaugurazione. Fare questo potrebbe essere utile, assieme a snapshots e video, a corredare e conservare i temi trattati e i punti di vista dei partecipanti. Eva e Franco Mattes lo fanno già, a corredo delle loro "synthetic performances".

roxelo ha detto...

Certo Redmond, anzi l'ho già preparata e la sto per pubblicare.
Purtroppo nessuno di noi ha fatto foto, eravamo tutti troppo presi dalla straordianaria risposta ricevuta, dall'attenzione e interesse degli intervenuti, che non abbiamo voluto concederci nemmeno un attimo di distrazione.
Chiederò se qualcuno dei presenti lo ha fatto per noi.